La revisione IVA

La revisione IVA

Con l'entrata in vigore della revisione IVA segnaliamo che il prossimo 1.1.2018 le nuove aliquote IVA saranno:

aliquota normale                             7.7%

aliquota speciale (alberghiero)     3.7%

aliquota ridotta                                2.5%

Di conseguenza vi saranno degli adeguamenti anche per le aliquote saldo e forfettarie per i singoli rami di attività.

Altre modifiche sono state apportate alla legge e in particolare segnaliamo :

  1. Limite di assoggettamento: infatti per le imprese estere che opereranno sul territorio elvetico dovranno assoggettarsi se la cifra d'affari mondiale supera i Chf 100'000. Anche l'inizio e la fine dell'assoggettamento saranno strettamente correlate con le date di inizio e fine delle prestazioni eseguite in territorio svizzero;
  2. L'imposta fittizia e l'imposizione del margine  è stata estesa anche a beni nuovi, senza scopo di rivendita e/o a scopo di esportazione;
  3. Imposta sull'acquisto: in futuro non saranno più soggetti all'imposta sull'acquisto le forniture di beni mobili. L'assoggettamento prevede esclusivamente le forniture di beni immobili;
  4. Opzione: secondo la legge attualmente in vigore, il contribuente ha diritto ad imporre volontariamente le prestazioni escluse purché lo indichi chiaramente in fattura. In futuro non sarà più necessario esporre l'IVA in fattura, ma si potrà dichiarare le prestazioni correttamente nel rendiconto IVA;
  5. Persone strettamente vincolate: con l'entrata in vigore della revisione sono da considerarsi persone strettamente vincolate anche le fondazioni e le associazioni con le quali esiste un rapporto contrattuale o personale particolarmente stretto. Eventuali prestazioni dovranno in futuro essere conteggiate al valore fra terzi indipendenti.

Anche il criterio per la determinazione temporale applicabile è cambiato.

Il principio generale è:

  • L’aliquota applicabile dipende esclusivamente da:
    • la data della fornitura di beni
    • il periodo in cui la prestazione di servizi è stata resa
  • sono quindi irrilevanti la data di fatturazione, oppure quella di pagamento

Per chiarezza ricordiamo che in generale la fornitura è determinata dal trasferimento del potere di disporre, oppure dalla consegna di un bene o dalla messa a disposizione per l’uso o il godimento. Vogliate notare che a comprova della data e del periodo valido per l’applicazione delle aliquote consigliamo caldamente di conservare l’adeguata documentazione a comprova del “momento determinante” (bollettini di consegna, conteggi ore, annotazioni, rapporti di lavoro, ecc.).

Per ogni ulteriore informazione siamo volentieri a vostra disposizione per l’assistenza necessaria.

 

(fonte:  pubblicazione SUPSI)